A te, amico mio. Ringrazio la vita per non averti lasciato andare.

SUICIDIO

Mi voltai di scatto,

era la morte.

Sorrise.

Non la cercai più,

avrei lasciato a lei il suo mestiere,

girò le spalle e se ne andò.

Voleva ricordarmi

che esisteva.

Voleva ricordarmi

di amare la vita.

Carlo Galli

Annunci

10 comments

  1. jalesh · febbraio 23, 2014

    Stupendi versi che fanno riflettere moltissimo…vivi la vita finchè puoi…complimenti

    • Carlo Galli · febbraio 23, 2014

      grazie mille… si la vita va vissuta, anche se spesso è dura…
      carlo

      • jalesh · febbraio 23, 2014

        …molto dura …attraversiamo un impervio cammino…buona domenica un sorriso Carlo

  2. Daniele Cerva · febbraio 23, 2014

    Non sono di molte parole…queste poche che hai scritto sono davvero significative…complimenti Carlo

    • Carlo Galli · febbraio 23, 2014

      Ti ringrazio molto e son contento di riuscire a trasmettere
      Un saluto

  3. orofiorentino · febbraio 23, 2014

    Splendida, lo ripeto anche qui da te. Trasmetti le emozioni in modo fulminante e con grande bravura. Complimenti di cuore

  4. Carlo Galli · febbraio 24, 2014

    Infinite grazie, e ricambio a pieno i complimenti, si vero cuore

  5. Carlo Galli · febbraio 24, 2014

    Di

  6. montaliana · febbraio 26, 2014

    Questa poesia mi ha davvero colpita. Ricorda l’ermetismo e l’intensità delle parole di Ungaretti… davvero molto sentito

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...