Tra assenzio e oppio… l’amore…

Tra le dolciastre
nuvole
cariche d’oppio,
piovevano
gocce smeraldo
d’assenzio…
…e la libertà
dal velo svelasti,
donando un volto nuovo
all’amore…

…mia dolce ragazza
afgana…

Carlo Galli

Cosa c’era nella mia testa quando ho scritto questa poesia:

La scena è vista da un ragazzo che, assieme a un’altra dozzina di persone, sono radunate in una sala adibita a svago, in Afghanistan… la ragazza in questione è una piccola donna, quasi ancor bambina che, già sposata, sta servendo a dovere il marito (che ha tre volte i suoi anni) e i suoi amici… nell’andare e venire, passando in quella stanza, anche lei si inebria delle droghe che loro utilizzano e, perdendo il controllo, per una frazione di secondo toglie il velo, rivelando il dolce viso… come detto prima, solo un ragazzo vede… e ne resterà stregato per sempre, conservando quel segreto amore dentro al cuore… senza la certezza che fu una cosa reale oppure uno scherzo della mente alimentata dalle droghe…

… e io non capirò mai se tutto questo lo ho avuto solo in testa…

Carlo Galli

Annunci

39 comments

  1. Patrizia M. · marzo 27, 2014

    Dolcissima, ma l’oppio offusca la mente. Te la sei sognata la ragazza afgana??
    (lo so, sono tremenda quando faccio queste domande e si parla di poesia, ma non resisto, pardon )
    Kiss, Pat

    • Carlo Galli · marzo 27, 2014

      ho aggiunto sotto adesso cosa avevo in testa quando la ho scritta…. chissà…
      🙂

      • Patrizia M. · marzo 27, 2014

        Ahhhh ora capisco!!! Furbastro, mi hai fregata ahahah

      • Carlo Galli · marzo 27, 2014

        hahahh…

      • Patrizia M. · marzo 27, 2014

        Kiss 😀

      • Carlo Galli · marzo 27, 2014

        buona giornata
        abbraccio
        🙂

  2. Francesca · marzo 27, 2014

    …la poesia stessa sembra un flebile filo di fumo. Molto, molto bella!

  3. Silvia · marzo 27, 2014

    Che importa se l’hai vissuto davvero o no…..il risultato è splendido 🙂

  4. meo..... laura · marzo 27, 2014

    secondo me l’hai vissuta realmente……
    marcello

    • Carlo Galli · marzo 27, 2014

      Ciao Marcello:)
      Appena lo capisco prometto di dirtelo 🙂
      un caro saluto

      • meo..... laura · marzo 27, 2014

        si si……..sono curioso………
        un caro saluto a te…..

        marcello

  5. wsa0 · marzo 27, 2014

    Carlo é bellissima questa poesia.Io avevo intuito quello che hai scritto sotto.Per questa dolce ragazza afgana dedicò questa canzone http://youtu.be/EKAvItpF6h0
    Quando il mio cane Rocky mi porta a spasso, le cuffie alle orecchie ascolto questa melodia di un chitarrista spagnolo e per magia mi rilasso 🙂

  6. incostantericerca · marzo 27, 2014

    Ciao! Ti ho nominato per il Liebster Award, se ti va di partecipare passa dal mio blog!

  7. mondidascoprire · marzo 27, 2014

    Di solito le donne afgane non sono trattate con romanticismo, bella questo amore silenzioso e non possessivo..

  8. evaluna2014 · marzo 27, 2014

    E’ talmente evocativa che ho chiarissima la scena davanti agli occhi.
    Complimenti. E’ stupenda.

  9. nunziatullio · marzo 27, 2014

    Flash-back!

  10. Sam · marzo 27, 2014

    Ho letto tantissimi blog ma, nessuno e dico nessuno eguaglia la tua forza evocativa e di arrivare dritto al cuore… e spesso passando per le vie della filosofia!
    Sam

  11. Amor et Omnia · marzo 27, 2014

    a me ha ricordato Seta…

  12. jalesh · marzo 27, 2014

    Vissuta o non…è una bella avventura

  13. kingdomluddan · marzo 28, 2014

    Qualunque sia la fonte della tua ispirazione resta la tua capacità di evocare suggestivamente emozioni.

  14. mfantuz · marzo 28, 2014

    Una poesia davvero bellissima, non serviva il commento, così ognuno può interpretarla come meglio crede. Comunque bravissimo.

    • Carlo Galli · marzo 28, 2014

      Hi hihi lo ho voluto mettere per contestualizzarla un pò. .. ma credo anche io 🙂

  15. fulvialuna1 · marzo 30, 2014

    Nn è importante capirese se è solo frutto di una fantasia, l’importante è aver scritto lasciando emergere le emozioni. E a me hai regalato una piccola perla.

  16. tamaramussio · aprile 1, 2014

    Veramente una lirica bellissima e profonda. Un gioco tra semplicità e completezza incredibile.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...