Caterina parlava la lingua dei fiori… Collaborazione con la cara amica Sun e il suo disegno…

Immagine

 

Caterina era una donna che si nascondeva dal mondo. L’unico modo in cui riusciva a sentirsi a proprio agio era gettandosi tra i fiori, svestendo gli abiti e indossando colorati ornamenti fatti di petali. Aveva un rifiuto verso gli esseri umani, amava la solitudine e, le poche volte che era costretta a interagire con qualcuno, portava un piccolo fiore rosso tra i capelli, di modo che ne sentisse il profumo e potesse schermarla dal male del mondo. Caterina aveva un cuore troppo grande per sopportare tutto il male che c’era nell’anima di alcune persone, sapeva che l’uomo può regalarti l’illusione dell’amore e poi portartelo via, lasciandoti morta dentro… era capitato anche a sua madre e, da quando successe, non riuscì a parlare per il resto della sua vita.

Il giardino di Caterina confinava con quello di Matteo che, da ormai dieci anni a questa parte, viveva con il sogno di poterla avere. Avendola studiata a lungo, riusciva a capire che non doveva certo aspettarsi una relazione normale, con lei bisognava andarci cauti, era come cercare di accarezzare una volpe abituata a stare sola, tra i prati montani… sì, questo ricordava Caterina, una stupenda volpe, con i suoi lunghi capelli rossi e gli occhi color dell’erba. Siccome Matteo sapeva che la fine dell’estate era vicina e, sia per il freddo, sia per la sfioritura delle piante che Caterina non sopportava vedere, lei si sarebbe ritirata in casa per almeno quattro mesi, doveva studiare qualcosa per poter continuare a vederla… e in fretta.

Matteo fece installare una piccola serra riscaldata sul confine dei due giardini e, osando, tagliò la rete che li separava giusto in corrispondenza della porta di vetro. Dentro era un tripudio di colori, di profumi e di fiori, erano talmente tanti che, da lì in mezzo, non si vedeva fuori da quelle grandi vetrate se non per un piccolo tratto che dava sulla stanza di Matteo. Caterina gradì e iniziò a frequentare quel “Giardino d’amore” dal quale immaginava un mondo migliore e, Matteo, continuò ad amarla per sempre, osservando dalla finestra della sua camera la più bella e fragile creatura che esisteva al mondo… Bella e fragile proprio come una farfalla che, se le tocchi le ali, perde sia il colore che la capacità di volare.

 

Carlo Galli

Disegno della cara amica Sun, che ringrazio per questo esperimento di collaborazione che mi ha fatto volare tra i colori della sua Arte.

Blog di Sun: http://pensieridistesialsole.wordpress.com

Annunci

57 comments

  1. kalosf · aprile 15, 2014

    Bravi!

  2. Ronny Tresor · aprile 15, 2014

    Disegno incantevole. Non poteva esserci scrittore migliore!

    • Carlo Galli · aprile 15, 2014

      :)))))))
      grazie carissimo!!

      • Sun · aprile 16, 2014

        Concordo e grazie 🙂

  3. jalesh · aprile 15, 2014

    Bravissimi tutti e due

  4. wsa0 · aprile 15, 2014

    Bellissimo racconto, che solo tu potevi farlo. Un abbraccio 🙂

  5. fimoartandfantasy · aprile 15, 2014

    Bellissimo il disegno e dolci le parole… Un insieme che mi da serenità. Bravi! 😊
    Un soffio che sorride.

  6. Sun · aprile 15, 2014

    S T U P E N D O!!!
    Hai una capacitá rara caro e prezioso amico mio. Sai trasportare la tua anima in tutto ció che scrivi. Ed é un’anima altrettanto rara e preziosa. Grazie di cuore per aver accettato di condividere questa tua dote innata con me.
    Direi che l’esperimento é andato alla grande.

    • Carlo Galli · aprile 15, 2014

      :))))
      Quando vuoi sempre pronto cara :)))
      Un abbraccio

      • Sun · aprile 15, 2014

        (( ))

  7. Silvia · aprile 15, 2014

    Splendida collaborazione siete bravissimi!

  8. Sun · aprile 15, 2014

    L’ha ribloggato su pensieri distesi al solee ha commentato:
    Mi piacciono quando nascono questi “incontri”.
    Sono incontri belli, puliti. Incontri tra persone che si conoscono attraverso un mezzo virtuale ma che profumano di cose buone e assolutamente reali.
    Un grazie di cuore a Carlo che ha accettato di fare questo “esperimento” mettendomi a disposizione la sua rara e preziosa dote… trasportare la sua altrettanto rara e preziosa anima in ciò che scrive.

  9. vittoriot75ge · aprile 15, 2014

    Bravissimi tutti e due 🙂

  10. im1dreamer · aprile 15, 2014

    Entrambi bravi 😊

  11. ysingrinus · aprile 15, 2014

    Mi piace molto ed apprezzo anche il disegno, bravi tutti e due!

  12. wsa0 · aprile 15, 2014

    Oggi una mia amica su WhatsApp mi ha inviato questo messaggio che voglio condividere con tutti voi:
    LA COLOMBA…È L’UCCELLO DELLA PACE.

    LA DONNA…È LA PACE DELL’UCCELLO.

    L’UOMO…CERCA LA PACE PER IL SUO UCCELLO.

    IL SINGLE…NON LASCIA IN PACE IL SUO UCCELLO.

    LA SINGLE…CONOSCE L’UCCELLO, MA NON LA PACE.

    LA DIVORZIATA…HA PERSO LA PACE E L’UCCELLO.

    LA VEDOVA…LE È MORTO L’UCCELLO E NON VIVE IN PACE.

    IL VEDOVO…HA PERSO LA PACE DELL’UCCELLO.

    LA MOGLIE..HA MESSO AL SICURO L’UCCELLO
    E LA PACE.

    IL MARITO…HA TROVATO LA PACE PER L’UCCELLO.

    L’ANZIANO…HA SEMPRE L’UCCELLO IN PACE.

    L’ANZIANA…DOVREBBE ESSERE IN PACE
    MA PENSA SEMPRE ALL’UCCELLO.

    LA CHECCA…VUOLE LA PACE DAVANTI
    E L’UCCELLO DI DIETRO.

    MANDA SUBITO UNA COPIA
    AD ALMENO TRE AMICI E TRE AMICHE,
    O TI MORIRÀ L’UCCELLO IN MANO
    E NON AVRAI MAI PACE
    E SE SEI DONNA
    PERDERAI L’UCCELLO A CUI VUOI PIU’ BENE….
    ODIO LE CATENE,
    MA QUESTA VOLTA LA MANDO, PERCHÉ…
    CON L’UCCELLO NON SI SCHERZA.
    😂😂😂😂😂

  13. unpizzicodime · aprile 15, 2014

    Un piccolo incanto… so già che tornerò a leggerti… C.

  14. tiferet74 · aprile 15, 2014

    Ben riuscito direi!

  15. mondidascoprire · aprile 15, 2014

    E’ una bella storia , mi piace, complimenti ad entrambi, il disegno è molto bello

  16. cordialdo · aprile 15, 2014

    Una collaborazione da incoreaggiare! Molto bello, stilisticamente orientale, il disegno di Sun; altrettanto bello il racconto che l’accompagna. Bravissi entrambi.
    Ciao, Carlo, trrattieni Sun almeno per i suoi disegni! Osv.

  17. francescagarrisi · aprile 15, 2014

    emozionante la storia e suggestivo il disegno 🙂

  18. thenewsageblog · aprile 15, 2014

    Mi piace tantissimo questo racconto – sei proprio bravo, Carlo :)! X

  19. Patrizia M. · aprile 15, 2014

    Bravissimi entrambi, un bellissimo racconto sulla base di un altrettanto bellissimo disegno!!

    • Carlo Galli · aprile 15, 2014

      grazie patrizia
      sempre gentile
      un sorriso

    • Sun · aprile 16, 2014

      Grazie Patrizia, gentilissima.
      Un sorriso 🙂

  20. Gregorio Leone · aprile 15, 2014

    Complimenti bellissime parole e bella la foto.

  21. fulvialuna1 · aprile 19, 2014

    Combinazione perfetta. Complimenti a entrambi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...