Oggi non è sorto il sole (post pesante, se siete felici, saltatelo)

Oggi non è sorto il sole,
non c’era nessun tepore a riscaldarmi dentro.
Inspiegabilmente succede, senza apparente motivo,
ci si sveglia morti dentro.
E allora guardo tutto quello che ho,
o presumo di avere,
gli amici, l’amore, una casa, la maschera sorridente
che indosso sempre più spesso,
tutti castelli di sabbia che con uno starnuto dell’anima
sono crollati, insensati.
Oggi non ho i filtri davanti agli occhi,
la realtà si palesa come un’inutile corsa
verso un qualcosa che non esiste.
Forse nemmeno io esisto.
Oggi mi sento un morto che respira
rinchiuso in un loculo di illusioni,
al buio,
accompagnato dalle ipocondrie e dalle paranoie
che l’ansia e la tristezza 
porta sempre con sé.
Un morto senza pace…

Carlo Galli

Annunci

55 comments

  1. lulasognatrice · dicembre 3, 2014

    Direi triste, non pesante…. capita di sentirsi così…
    L’importante è che, con i propri tempi, ci si rialzi…

    Un abbraccio,
    Lucia

    • Carlo Galli · dicembre 3, 2014

      Abbraccio a te

      • lulasognatrice · dicembre 3, 2014

        🙂

  2. momimio · dicembre 3, 2014

    Ciao Carlo, fin quando ci saranno persone che hanno il tuo stesso stato d’animo, allora interventi di questo genere saranno sempre apprezzati perché si comprende che qualcun altro prova le stesse sensazioni tue, anche se tu usi termini e parole che le fanno sembrare reali e vere. 🙂

  3. catenomarco · dicembre 3, 2014

    Per fortuna l’oscillazione oggi mi vede fuori fase rispetto al tema, ma ne ricordo il suono nell’ultima risonanza

    • Carlo Galli · dicembre 3, 2014

      oscillazione è bellissimo… come fili d’erba …
      Buona serata

  4. Laura · dicembre 3, 2014

    Puo’ capitare di sentirsi cosi’ Carlo, anche se triste questo tuo pensiero mi e’ piaciuto, un abbraccio dolce amico, 🙂

  5. jalesh · dicembre 3, 2014

    Un momento molto brutto ansia e ipocondira sono la cosa peggiore….un abbraccio bisous

  6. tachimio · dicembre 3, 2014

    Vedere nero può capitare, ma voglio pensare che questo scritto non sia per forza riferito a te. Dolce pomeriggio inoltrato caro Carlo. Isabella

    • Carlo Galli · dicembre 3, 2014

      sono altalenante :O

      • tachimio · dicembre 3, 2014

        E allora un sorriso ci vuole per darti la carica e vedere il sole. E io te lo lascio. Isabella

      • Carlo Galli · dicembre 3, 2014

        🙂

  7. bom76 · dicembre 3, 2014

    Ti ricordi per caso il mio post sull’alta marea a Venezia? Beh..ti riporto il detto veneziano che ho spiegato in quel post:” sie ore ea cala, sie ore ea cresse!” La marea é sinonimo della vita..ogni 6 ore cala e successivamente cresce, come la nostra vita!
    Vedrai che il periodo brutto passerà e poi risplenderà di nuovo il sole!! 🙂
    Un abbraccio
    Beatrice

  8. fulvialuna1 · dicembre 3, 2014

    Sono felice, lo sono spesso, ma perchè non dovrei leggere un momento così particolare di un amico (tale ti reputo) con cui condivido pensieri, sogni, letture, sorrisi e abbracci (anche se solo virtuali).
    Può accadere di sentirsi illusi e disillusi dalla vita, dagli amici, da noi stessi…non riuscire a capire cosa vogliamo, i perchè, di non capire se stiamo vivendo nel modo che più ci piace, è parte della vita anche questo. Non so da cosa venga questa tua tristezza, ma dai, ci provo…ti abbraccio, un abbraccio morbido, di quelli che ti fanno sentire il calore non del corpo, ma del sostegno, ti coccolo, sono specialista lo sai? Molti amici vengono da me per questo…non me la stò cantando come dico sempre, è vero…ascolta il mio abbraccio, la mia mano stretta nella tua, dai fammi un sorriso, anche accennato e piano piano il calore torna, dai….stringiti forte, ti accarezzo la fronte e ti cullo…Dai.
    Se fallisco….ci riprovo 😉

  9. Luca C. · dicembre 3, 2014

    Sei in buona compagnia. Tra alti e bassi, tra ricerche di lavoro e speranze, tra contratti di lavoro che scadono, tra insoddisfazione, tutto sembra grigio. Al 99% inizierò il 2015 senza lavoro, con mia moglie senza lavoro. Per fortuna c’è l’amore, ma lo stress, l’ansia, l’insicurezza del futuro, la frustrazione, l’insoddisfazione prevalgono rendendoci apatici, nervosi soffocando quello che di bello c’è, l’amore, il sesso, gli amici, la famiglia. Se non ti dà fastidio vorrei pubblicare sul mio blog questa tua poesia, ovviamente citando l’autore.

  10. Nicola Losito · dicembre 3, 2014

    Ognuno di noi ha i suoi momenti no. Ma basta un sorriso, un raggio di sole per tornare a vivere.
    Nicola

  11. lilasmile · dicembre 3, 2014

    Può capitare di sentirsi tristi, l’importante è capire i momenti di tristezza e da cosa sono dovuti..
    Un abbraccio Carlo! :*

  12. Sempresimo · dicembre 3, 2014

    Quante volte capita anche a me di sentirmi così…
    L’importante è riuscire a sopravvivere…
    Buona serata

  13. lamelasbacata · dicembre 3, 2014

    Oggi altaleniamo insieme Carlo 🙂 un abbraccio

  14. Tiferett · dicembre 3, 2014

    ” domani è un altro giorno…” Andrà meglio e scoprirai di essere un vivo senza pace, come la quasi totalità degli uomini… 😉
    Ciao poeta

  15. colpoditacco · dicembre 3, 2014

    ok è ufficiale… qui lo dico e qui lo nego: era meglio quando scrivevi di a…. 😛 Cmq anche per me oggi non è stato un gran giorno: ho l’influenza, mi è morto il gatto (non è una battuta, era vecchietta e stava male) e altre cose…. 😦

  16. Hysteria · dicembre 3, 2014

    Afferriamoci a una stella per spazzare via questa giornata senza sole. Buona notte Carlo

  17. sergiomauri · dicembre 4, 2014

    Caro Carlo…come disse Rossella O’Hara, in un momento disperato in Via Col Vento….”domani è un altro giorno”.
    Speriamo sia lo stesso per te. 🙂

  18. easylady · dicembre 4, 2014

    sono onesta, non avevo prestato ancora la giusta attenzione ai tuoi scritti. devo dire che meritano e molto. sei interessante e profondo.
    leggerò con più cura da ora in poi.

  19. mfantuz · dicembre 4, 2014

    Uno scrittore non dovrebbe mai dimenticare di filtrare la realtà con la propria sensibilità, perché è sempre uno scrittore, in ogni momento della giornata, ma per fortuna, è anche un uomo. Bravo Carlo

  20. tuttotace · dicembre 5, 2014

    Una strana giornata per tanti vedo. Io ti abbraccio Carlo.

  21. sarahdioz · dicembre 5, 2014

    ci sono ponti sottili ed invisibili che uniscono le menti, le vite, le emozioni, i sogni degli artisti, seppur distanti chilometri, ma così vicini che paiono per un attimo d’essere uniti.

  22. Sandro Vivan · dicembre 24, 2014

    Buon Natale con sincerità

  23. Sandro Vivan · dicembre 24, 2014

    “Un morto senza pace”
    Fai uno sforzo; ritorna a vivere e troverai la pace. Ancora Buon Natale

  24. sherazade · dicembre 27, 2014

    Quando a volte (parecchie) mi prende questo grande sconforto di vivere, di aprire gli occhi di dentro, penso a mia madre che già malata mi confesso di continuare a svegliarsi sorridendo. E mia madre non era una sprovveduta e la sua vita se l’era lottata. Predisposizione? Forse ma anche noi dobbiamo provare e fare i nostri esercizi come a scuola: la scuola della vita.

    sheraconunabbraccioinsommastritolante

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...